…non ti accontenti. Mai.

Sei brava a scuola, i tuoi voti non sono per niente male, ma la tua compagna di banco, quella carina, quella stronza ma carina, ha preso 9 e tu 8. Ti mangi il fegato perché oltre ad essere carina, avere dei bellissimi capelli e un certo successo coi ragazzi, prende voti più alti di te.  Allora studi di più, vuoi batterla quella stronza carina,almeno in questo, perché sei donna.(A scuola ero il brutto anatroccolo, ve lo dico; quindi questo non è il mio caso. )

Inizi ad uscire con i ragazzi. Tra il “tipo a modo”, di buona famiglia,  bravo a scuola, gentile e premuroso ed il “tipo bello ma dannato” ovviamente scegli il secondo, perché sei donna.

Tua madre te lo sconsiglia ma tu non le dai ascolto. In fondo, cosa ne capisce lei di ragazzi, quando mai è stata giovane e ha dovuto affrontare quello che stai affrontando tu?

La storia dei ragazzi sbagliati nel momento giusto va avanti tutta la tua adolescenza e oltre…

Lo sai in partenza che ti farà soffrire, che verserai lacrime manco i coccodrilli, ma tu sei donna, e ti illudi che con te sarà diverso, che prima di te non ha trovato quella del formaggio. Tu sei diversa e lui sarà diverso con te. E finisci per fare un mutuo per pagarti le sedute dal analista. Dopo la fine di ogni storia tormentata ti prometti di rimanere single a vita. Ma non hai ancora finito di dire la parola single che eccccololà! Il nuovo amore della tua vita. Intanto tu magari ci hai provato a conoscere anche uomini normali, quelli delle serenate sotto casa, delle rose inaspettate sul lavoro, messaggini del buongiorno o delle cene a lume di candela. Tu ci hai provato, ma < che palle, oh, ma non ce l’ha una vita propria?>.   Sei donna!

Trovi finalmente una persona che ti faccia star bene. Nonostante tu abbia paura, perché ne hai sentite parecchie su di lui, ti butti perché con te vedi che è diverso, e stavolta lo è davvero.  E’ ponderato in tutto, stronzo quanto basta, romantico al punto giusto,di quelli  che ti portano su ma poi ti lasciano cadere. Ed è bellissimo, andate a convivere, costruite qualcosa insieme ed è tutto bellissimo. Ma tu sei donna, e vuoi figli. Lui invece sta bene anche in due, per adesso. In fondo ha solo 30anni ed ha appena tolto il pannolone.  Tu sei donna e vuoi sposarti. Lui invece ha attacchi di asma solo nel sentire la parola “matrimonio”.  Lui ti ama e te lo dimostra ogni giorno, ma a te che te frega, vuoi un cazzo di anello al dito e un abito bianco e lo vuoi subito!

Ma perchéééé?

La risposta è semplice…. perché sei meravigliosamente donna, e non ti accontenti mai!

 

 

 

 

 

 

 

Love Me Now